ENGLISH VERSION

CARDIOLOGIA RIABILITATIVA E PREVENTIVA PER TUTTI

LA CARDIOLOGIA RIABILITATIVA:

Se ci fosse una pillola molto economica, in grado di ridurre le morti per causa cardiaca del 27%, di migliorare la qualità della vita, di ridurre ansia e depressione, ci si aspetterebbe che tutti i cardiopatici europei l'assumessero. 
Questa pillola non esiste, ma un programma di riabilitazione cardiaca può fornire tutti questi benefici. 


If there were a pill that cost very little, reduced cardiac deaths by 27 per cent, improved quality of life, and reduced anxiety and depression, every cardiac patient in Europe would be expected to take it. 
There is no such pill, but taking part in a cardiac rehabilitation programme can provide all these benefits”. 

Professor Bob Lewin
European Society of Cardiology Congress
Amsterdam 2005


 
 
UN MOTIVO PER SORRIDERE 
 
 
La riabilitazione cardiaca offre alle persone con problemi di cuore programmi medici coordinati, diretti ad ottenere una guarigione più rapida, a migliorare la propria capacità fisica, il proprio equilibrio psicologico ed affettivo e a consentire una migliore ripresa della proprie attività relazionali in ambito famigliare, sociale e lavorativo.
Gli obiettivi di un programma di cardiologia riabilitativa sono di stabilizzare e, quando possibile, di invertire la progressione della malattia cardiovascolare, riducendo così il rischio di attacchi cardiaci, di nuovi eventi cardiaci e di morte. 
 
I programmi di riabilitazione cardiaca comprendono: 
 
  • Interventi educazionali diretti a fornire a paziente che ha avuto problemi cardiaci elementi di comprensione della propria malattia, e una serie di strumenti che gli consentano di gestirla in maniera consapevole e ottimale. 
  • L'avvio di un programma personalizzato di attività fisica, utile al recupero e alla salute del cuore e non solo.
  • Consigli diretti a favorire l'adozione di abitudini alimentari corrette e sane.
  • Interventi diretti a favorire la modifica dei fattori di rschio per la progressione della malattia, quale l'abitudine al fumo, l'ipertyesnione arteriosa, il diabete, i valori elevati di colesterolo, l'obesità e la sedentarietà. 
  • Istruzioni e consigli relativi alla possibilità di affrontare sforzi fisici, attività ricreative o sportive e anche alla possibilità e alle modalità di riprendere la propria attività lavorativa o p  rofessionale. 
  • Supporto psicologico nella gestione dello stress e delle emozioni negative. 
  • Interventi diretti alla ottimizzazione della terapia farmcologica e non  ed informazioni sulla gestione appropriata dei trattamenti prescritti. 
  • La definizione di un adeguato programma di controlli. 
 
Il successo a lungo termine di ogni programma di riabilitazione e di prevenzione di ulteriori eventi cardiovascolari è fortemente condizionato dalla aderenza del pazente ai contenuti del programma proposto. Tutte le attuali evidenze scientifiche dimostrano chiaramente i vantaggi della riduzione del colesterolo e del miglioramento del profilo delle lipoproteine ottenuto con l'alimentazione, con l'attività fisica e con la corretta e costante assunzione dei farmaci alla dose adeguata. Anche l'eliminazione del fumo di sigaretta riduce in modo molto rilevante la probabilità di nuovi attacchi cardiaci, di ictus cerebrale, di morte improvvisa e della mortalità in generale. 
 
Un programma di riabilitazione cardiaca supervisionato ed eseguito in strutture cardiologiche specialistiche è utile ai pazienti affetti da angina pectoris, ai pazienti con gli esiti di un recente attacco di cuore (infarto), ai pazienti che siano stati sottoposti a by-pass aorto-coronarico (CABG) o ad angioplastica cornarica (PTCA), ai pazienti con scompenso cardiaco cronico e nelle sue fasi di instabilizzazione, ai pazienti ai quali sia stato posizionato in defibrillatore impiantabile (ICD), ai pazienti candidati o che abbiano eseguito un trapianto di cuore ed ai soggetti che presentano una claudicatio riferibile ad una malattia arteriosa periferica delle gambe o altre forme di malattie cardiovascolari. 
Programmi di riabilitazione cardiaca possono essere utili anche in pazienti con malattie cardiovascolari congenite sia corrette chirurgicamente, sia non operabili. 
Sono indicati infine anche in soggetti che, pur non avendo ancora sviluppato una malattia di cuore vera e proprioa, presentano un profilo di rischio di eventi cardiovascolari molto elevato. 
 
I programmi esercizio fisico fanno normalmente parte della riabilitazione cardiaca. Tuttavia l'esercizio fisico costituisce solo una componente del programma riabilitativo che viene modulata sulla base delle condizioni cliniche e dei bisogni del singolo paziente. 
L'esercizio fisico è sempre supervisionato da fisioterapisti che tengono sotto controllo vari parametri biologici ed elettrocardiografici. L'intensità dell'esercizio, la sua durata e  frequenza dipendono dalla specificità dei problemi clinici del paziente e dal suo profilo di rischio. 
La combinazione degli interventi eseguiti nel corso del programma riabilitativo consente al paziente di ottenere un miglioramento della sua capacità funzionale, della sua capacità di muoversi, di lavorare, di affrontare le varie situazioni della vita di tutti i giorni. Inoltre l'insieme delle componenti del programma riabilitativo consente di ottenere un miglioramento della percezione della propria qualità di vita, di ridurre i fattori di rischio, e di dare al paziente un senso di benessere e di ottimismo nell'affrontare il proprio futuro. 

PASSEGGIATA DEL CUORE, Napoli 3 dicembre 2017

Comunicare salute ai giovani: una scelta che paga

Replica a Roma la giornata “La salute del Cuore: come e perché adottare e mantenere stili di vita sani fin dalla giovane età”, che si è tenuta il 10 febbraio 2017, dalle 9.00 alle 13.00 l'evento riguardante la Prevenzione delle malattie cardiovascolari rivolto agli alunni delle Scuole Superiori romane. Sede ancora una volta il Teatro Brancaccio di Roma. Promotori dell’iniziativa, quest’anno targata GICR ed ANMCO, il dott. Gian Francesco Mureddu, attuale vice Presidente GICR ed il dott. Cesare Greco, presidente dell’ANMCO Lazio con il prezioso contributo della Dott.ssa Flavia Bracci, anestesista-rianimatrice romana, anche quest’anno impegnata nei contatti con molte Scuole. L’iniziativa si è svolta nell’ambito della Settimana del Cuore ed ha ottenuto il patrocinio ed il sostanziale contributo scientifico dell’istituto Superiore di Sanità e della Fondazione Per il Tuo Cuore dell’ANMCO.

Nove i licei coinvolti quest’anno. Hanno partecipato il  Complesso Scolastico “Seraphicum”, l’Istituto di Istruzione Superiore “Leopoldo Pirelli” , l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Galileo Galilei”, il Liceo delle Scienze Umane “Margherita di Savoia” , il Liceo Classico Linguistico “Russell”, il Liceo Ginnasio Statale “Augusto” , il  Liceo Scientifico e Tecnico per il Turismo “Charles Darwin”, il Liceo Scientifico Statale “Plinio Seniore” ed il Rome International School.

Il dott. Mureddu ha condotto la giornata introducendo i relatori e coordinando, insieme alla dott.ssa Bracci le domande dal parterre. Dopo i saluti del dott. Roberto Pedretti, presidente del GICR-IACPR e del dott. Cesare Greco, Presidente dell’ANMCO Lazio, la giornata è iniziata.

I temi hanno ricalcato lo schema dello scorso anno. Nella prima parte dopo le relazioni introduttive sull’anatomia e la fisiologia del sistema cardiocircolatorio e sulla patogenesi dell’aterosclerosi, tenute da Massimo Uguccioni e Cesare Greco, si è passati alla prevenzione cardiovascolare, l’utilità della quale esposta da Gian Francesco  Mureddu.

La partecipazione dei ragazzi è stata subito forte già in questa prima parte della giornata. Le domande si sono succedute in rapida successione intervallate da quelle preparate in precedenza, frutto di un lavoro di classe coordinato dai professori, che sono state presentate in platea dai conduttori.  

La dieta mediterranea (storia e gloria) è stata affrontata da Luigi Palmieri, esperto  epidemiologo dell’Istituto Superiore di Sanità, uno dei curatori delle carte del rischio,   che ne ha  spiegato il significato e l’evoluzione,  prestandosi poi alle domande ed alle curiosità dei ragazzi. Il dott. Marcello Marcelli, nutrizionista, ha mostrato in maniera accattivante le  trappole delle diete non salutari e dei messaggi spesso fuorvianti che la moda e i media talora propongono, spesso dettati da interesse e non veritieri, stimolando le riflessioni e le domande degli studenti. Roberto Pedretti è stato un credibile relatore sull’attività fisica, vista la sua attività di maratoneta che, esposta con le foto delle maratone di New York cui ha partecipato, ha scaldato l’uditorio. Dopo la seconda parte e le domande pure numerose, la giornata è stata chiusa con le ultime due relazioni sul tema delicato delle dipendenze. Piero Clavario ha parlato in maniera come sempre convincente del fumo, mentre la dott.ssa Roberta Pacifici, responsabile Nazionale del Dipartimento Dipendenze e Droghe dell’istituto Superiore di Sanità ha esposto uno degli argomenti più scottanti, le nuove droghe, le cosiddette  smart drugs che circolano proprio negli ambianti giovanili.

La partecipazione dei ragazzi è stata ancora più numerosa del successo già enorme dell’evento dello scorso anno. Alla fine si sono contate 1280 presenze. Il teatro, pur con i suoi 1500 posti è stato praticamente pressoché esaurito ed ha offerto un colpo d’occhio notevole

Al termine della giornata sono stati distribuiti gli attestati di presenza alle Scuole ed ai ragazzi.

Tutti siamo tornati a casa soddisfatti, sereni e sicuri di aver fatto qualcosa di utile per i nostri figli. Un grazie va agli studenti, ai professori alla sensibilità delle Società Scientifiche come GICR e ANMCO che hanno reso possibile la realizzazione della giornata. A Univers Formazione, che ha coordinato l’evento. Infine a tutti i professionisti che grazie alla personale disponibilità e  competenza hanno offerto contenuto e spessore a questa strepitosa mattinata.

 

 

 


























Rivista
La rivista scientifica GICR-IACPR
Monaldi Archives for Chest diseases
I Centri

Consulta l'elenco l'elenco dei centri di cardiologia riabilitativa e trova quello più vicino a te tra i 100 presenti sul territorio nazionale.